...
Все для WEB и WordPress
WEB и WordPress новости, темы, плагины

I migliori rappresentanti della scuola di teatro inglese a Hollywood

3

Non è un segreto che puoi diventare un attore di successo a Hollywood senza un’istruzione adeguata. Ciò è dimostrato da molte celebrità ora di grande successo, ad esempio Johnny Depp. Tuttavia, i talenti inglesi che vanno in America per la fama mondiale e un sacco di soldi, di regola, hanno alle spalle un’esperienza teatrale e sono piuttosto impressionanti. Questi includono Gary Oldman, Kenneth Branagh e altri.

In gioventù, Gary Oldman era seriamente interessato alla musica e voleva persino diventare un pianista, ma ha lasciato questo sogno per recitare. L’ispirazione per cambiare la futura professione è stato il gioco di Malcolm McDowell, che ha impressionato il giovane Oldman. Così, alla fine della scuola, aveva già deciso fermamente di studiare arte teatrale. Nel 1978, Gary Oldman, laureato al Rose Bruford College, si unì al Greenwich Youth Theatre.

Per 9 anni di lavoro sul palcoscenico, il britannico ha guadagnato una certa fama nei circoli teatrali e ha ricevuto diversi premi, tra cui la categoria Miglior attore dalla rivista della British Drama Theatre Association. Un giovane di spicco con un gioco nervoso e penetrante ha attirato l’attenzione del regista Colin Gregg, grazie al quale ha scoperto il mondo del cinema.

Nel 1986, Gary Oldman ha interpretato il suo primo ruolo importante sullo schermo nel film Sid and Nancy. Il suo personaggio, il bassista dei famosi Sex Pistols, è stato interpretato alla perfezione. Oldman era così disposto in questo lavoro che dopo le riprese ha dovuto essere ricoverato in ospedale, ma è stato da lei che è iniziato il suo percorso verso Hollywood.

Alla fine degli anni ’80, molti rappresentanti delle scuole teatrali britanniche arrivarono al cinema americano. Alcuni di loro iniziarono persino a essere chiamati la "banda britannica". Tra questi, insieme a Oldman c’era il suo amico Tim Roth. Nel 1990 è uscito nelle sale il film Rosencrantz and Guildenstern Are Dead, diretto da Tom Stoppard e basato sulla sua stessa commedia. E se i critici hanno definito il gioco di Oldman fenomenale, allora Tim Roth è rimasto nell’ombra per qualche tempo.

Nonostante l’indifferenza della critica, Rota è stato notato dall’aspirante regista Quentin Tarantino. Nella collaborazione di questi due geni hanno visto la luce opere che sono gioielli della filmografia di entrambi. Questi sono il dramma cult "Reservoir Dogs" (1992), il favorito del Festival di Cannes e il vincitore del film "Pulp Fiction" (1994) "Oscar", la commedia nera "Four Rooms" (1995). Nel 1996, Tim Roth è stato nominato all’Oscar per aver interpretato il cattivo in Rob Roy. Oldman ha ricevuto una nomination solo nel 2012 per il suo lavoro nel film britannico Get Out Spy.

Un brillante rappresentante della scuola teatrale inglese di Hollywood è l’enigmatica Tilda Swinton. Aristocratica di antica famiglia benestante, ricevette un’ottima educazione. Il teatro è diventato per lei, prima di tutto, un’opportunità per audaci esperimenti di reincarnazione. Poteva interpretare non solo diverse eroine, ma anche eroi. Ad esempio, uno dei suoi ruoli teatrali più famosi è Mozart. Successivamente, il talento del gioco maschile le è tornato utile al cinema nel film "Orlando".

Tilda Swinton non aveva fretta di trasferirsi a Hollywood. Il suo primo progetto americano è avvenuto nei primi anni 2000, quando l’attrice aveva già più di quarant’anni. Il thriller "The Beach" con un giovane partner stellare DiCaprio ha portato Swinton a fama mondiale e nuove proposte dall’altra parte dell’oceano. Nel 2008, Tilda Swinton ha vinto un Oscar per il suo ruolo di supporto nel film drammatico Michael Clayton.

All’inizio degli anni ’80, Tilda Swinton era un membro della Royal Shakespeare Society, una troupe di attori britannici che includeva Gary Oldman e Kenneth Branagh. Quest’ultimo è uno dei più brillanti rappresentanti della scuola classica inglese di Hollywood, famosa per le numerose produzioni basate sui drammi di Shakespeare. Combina con successo la sua carriera di attore a Hollywood con il lavoro in teatro e dirige anche film nazionali e americani. Tra questi ci sono gli adattamenti delle opere di Shakespeare così amate dall’attore: "Enrico V" (1989), "Molto rumore per nulla" (1993) e "Amleto" (1996).

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More