...
Все для WEB и WordPress
WEB и WordPress новости, темы, плагины

Come incontrare gli sposi dopo l’anagrafe

5

Da tempo immemorabile, le tradizioni sono state onorate nella cerimonia nuziale, quindi la cerimonia standard nell’anagrafe, in generale, è solo un preludio alla celebrazione del matrimonio, che ogni coppia si sforza di fare secondo le usanze accettate. Una di queste leggi matrimoniali immutabili è un incontro degli sposi novelli, a cui partecipano in primis i genitori degli sposi, e solo poi il resto dei parenti, amici e invitati.

Secondo la tradizione consolidata, l’incontro degli sposi inizia presso l’anagrafe. Dopo il matrimonio solenne, gli invitati cercano di uscire per primi e si schierano in due file su entrambi i lati del portico dell’anagrafe. Non appena il marito e la moglie appena fatti appaiono sulla soglia, dovrebbero essere inondati di chicchi di grano per la fertilità, piccoli dolci per la dolce vita e monete per la ricchezza della famiglia. Tuttavia, ora le nuove tendenze si sono unite a questi antichi rituali, ad esempio la doccia di giovani coriandoli, scintillii o petali di rosa da speciali cracker.

L’azione principale per accogliere una nuova famiglia dopo la cerimonia dell’anagrafe avviene davanti all’ingresso della casa o del ristorante dove si terrà il banchetto festivo. Con il bel tempo – per strada, in caso di maltempo – sulla soglia dell’appartamento o nella hall della struttura, gli ospiti si allineano sotto forma di un corridoio vivente. In primo piano ci sono i genitori degli sposi, nelle mani della suocera appena fatta dovrebbe esserci un vassoio con bicchieri nuovi pieni di vino o champagne, una pagnotta e una saliera con il sale.

Anticamente doveva mettere un freno a mano ricamato a mano sul vassoio, ma ora questi asciugamani ricamati possono essere acquistati in saloni di nozze specializzati. Inoltre, se la famiglia dei giovani è ortodossa, all’incontro la madre della sposa dovrebbe tenere tra le mani un’icona con la Vergine Maria, Nicholas the Wonderworker o il santo – il santo patrono della sposa o dello sposo (cioè, porta lo stesso nome).

Quando i giovani si avvicinano ai saluti, non ci dovrebbe essere nessuno dietro di loro, solo una strada vuota. Gli sposi, secondo l’usanza, dovrebbero inchinarsi ai genitori in vita. Quindi gli sposini staccano un pezzo dalla pagnotta e immergono questi pezzi nel sale, quindi li danno da mangiare l’un l’altro. Quindi simbolicamente si sono infastiditi a vicenda per l’ultima volta, dopo di che dovrebbero aspettarsi una vita senza litigi.

È interessante notare che recentemente sempre più coppie scelgono una pagnotta per un matrimonio non con sale, ma con zucchero o cioccolato fuso: così la vita familiare è dolce. In ogni caso, qualunque sia il tipo di pane sul vassoio, c’è un altro segno importante per gli sposi novelli: il cui pezzo di pagnotta è più grande, che dominerà la famiglia.

Dopo il pane e il sale, gli sposi prendono i bicchieri e bevono da loro fino in fondo. In precedenza, avrebbe dovuto pre-battezzare la bevanda nel caso in cui qualcuno avesse rovinato la sposa attraverso di essa. Oggi, però, non tutti seguono questa tradizione. Per quanto riguarda il battito dei piatti, anche le opinioni divergono. Alcune coppie rompono i bicchieri per la felicità subito dopo aver bevuto il vino da loro. Altri bevono da questi bicchieri durante il banchetto nuziale e rompono il bicchiere alla fine della serata. Ci sono anche sposi novelli che conservano gli occhiali da sposa come ricordo.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More