...
Все для WEB и WordPress
WEB и WordPress новости, темы, плагины

Come compilare i moduli di domanda di lavoro

2

La compilazione del modulo di domanda è una delle fasi sulla strada per l’occupazione. La procedura consiste nell’inserimento da parte del richiedente in un modulo vuoto di informazioni personali e informazioni sull’istruzione e sull’esperienza professionale. Questa pratica è utilizzata dalla maggior parte delle aziende.

Il questionario è un elenco di domande a cui un potenziale dipendente dell’azienda è invitato a rispondere. Il loro numero, così come il contenuto, può essere diverso a seconda dei desideri dello specialista coinvolto nella selezione del personale. In alcune organizzazioni sono limitati a un questionario di mezza pagina, in altri dovrai compilare diversi fogli.

Per molti reclutatori, i sondaggi sono un modo per ottenere le informazioni più complete su un candidato. Il fatto è che il curriculum è compilato in qualsiasi forma e il richiedente ha il diritto di includervi solo le informazioni che ritiene necessarie. Pertanto, il datore di lavoro ha il modo giusto per ottenere le informazioni che gli interessano sul richiedente – per invitarlo a compilare un questionario.

È auspicabile che le risposte alle domande siano il più complete e informative possibile. È indesiderabile saltare i punti – questo è considerato irrispettoso. Pertanto, è meglio compilare il questionario per fasi e, dopo averlo compilato, rivedere brevemente le voci effettuate per escludere omissioni dovute a disattenzione.

Le sfumature della compilazione dei singoli elementi del questionario

Nome completo indicare sempre per intero. Non è necessario descrivere in dettaglio le risposte a domande chiuse o alternative, poiché non implicano una narrazione dettagliata. Ma l’istruzione, l’esperienza lavorativa e i punti di forza dovrebbero essere indicati nel modo più dettagliato possibile: queste sono le informazioni più importanti per ogni reclutatore. Quando compili il questionario, pensa alla comodità di leggerlo: è meglio decifrare tutte le abbreviazioni.

La maggior parte delle persone in cerca di lavoro salta intenzionalmente elementi come "Debolezze", "Debolezze", ecc. E questo è un grosso errore che può letteralmente decidere il destino del candidato. Naturalmente, non vale la pena indulgere in quelli "seri", ed è meglio che il datore di lavoro non sappia di tutti i tuoi peccati segreti, ma lasciare questa linea vuota è altamente indesiderabile. Si parla infatti del grado di criticità e di adeguatezza di un potenziale dipendente. Ognuno ha i suoi inconvenienti e la totale negazione di questi mette in dubbio alcune qualità personali. Cosa indicare allora? Le frasi "aumento delle richieste su se stessi", "franchezza", "fiducia in se stessi", ecc. Risulteranno abbastanza innocue. La cosa principale è essere in grado di batterli con competenza. Ad esempio, la timidezza di un operaio tecnico giocherà nelle sue mani, ma per un responsabile delle vendite avere un tale svantaggio è estremamente indesiderabile. Pertanto, nel secondo caso, è meglio indicare "iperattività", "apertura", ecc.

Particolare attenzione merita la sezione “Dignità" del questionario. Di solito, i candidati pensano anche poco alla compilazione e scrivono qualcosa come "attivo", "non in conflitto", "ambizioso", ecc.

In primo luogo, l’uso di qualità con il prefisso "non" è indesiderabile. Un reclutatore può avere una domanda perfettamente ragionevole, da dove, in effetti, viene questa parola? Dopotutto, se una persona scrive "non conflitto", allora ha alcuni problemi nei rapporti con le persone.

In secondo luogo, le persone iperattive e ambiziose sono spesso a disagio, soprattutto in posizioni in cui non è richiesta alcuna iniziativa. La dicitura "allegro", "creativo", "energico", ecc. può allertare il datore di lavoro. Naturalmente, ogni lavoro ha le sue sfumature e se vuoi prendere il posto di un clown o di un intrattenitore, allora tali qualità torneranno utili. Ma nel modulo di domanda per un impiego in un ufficio o in una fabbrica, non dovresti scriverlo. Invece, è meglio indicare che sei "dirigente", "responsabile", "intensivo", ecc. La presenza delle qualità elencate nel candidato aumenterà significativamente le sue possibilità di un impiego di successo.

E se lo scopo della relazione fosse qualcosa di incondizionato di cui sia l’uomo che la donna potrebbero assumersi la responsabilità? E se questa fosse… la pratica dell’amore? L’amore è ciò che è dentro di noi; qualcosa di cui siamo responsabili sia nel bene che nel male. L’amore ci permette di concentrarci sui nostri sforzi e responsabilità, così come di notare i vantaggi del nostro partner. Troppe persone si concentrano sul prendere qualcosa dalla relazione. Ma, per una relazione armoniosa, devi dare, assumerti la responsabilità della tua felicità e poi "investirla" negli altri.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More