...
Все для WEB и WordPress
WEB и WordPress новости, темы, плагины

Niente è così prezioso e così a buon mercato come la cortesia

8

Queste parole del famoso scrittore spagnolo Cervantes sono spesso citate in numerosi libri di etica ed etichetta. Come le parole del filosofo americano Emerson: “La cortesia è la somma di piccoli sacrifici che portiamo alle persone che ci circondano". Il prezzo delle "vittime" è davvero minimo. Questa è sincera cordialità, parole di scuse o gratitudine espresse tempestivamente, capacità di ascoltare e cedere. Dietro ogni manifestazione di gentilezza, questo stile di comportamento desiderato da tutti, c’è la benevolenza verso le persone.

Dalla pratica di vita, sappiamo che la gentilezza della gentilezza è diversa. Un altro sorriso insincero in servizio respinge e una mano tesa ostile non piace. "Cortesia fredda", "cortesia gelida", "maleducazione educata": queste espressioni sono vive. Proprio come i loro riflessi nella vita reale. La vera gentilezza soddisfa sempre l’anima con gentilezza e disinteresse. È luminosa e piacevole. È inerente a una persona rispettabile organicamente, perché le sue nobili azioni in qualsiasi situazione derivano da alti principi morali.

Ci sono molte regole di etichetta nel mondo e alcune di esse sono davvero formali. È un segno di cortesia in Spagna invitare un ospite a rimanere a colazione, ma anche dopo un secondo invito, è accettato con gratitudine per questa cortesia rifiutarlo. E solo il terzo invito può testimoniare la vera intenzione di comunicare con l’ospite.

In Portogallo, sarà considerato scortese intervenire per questioni personali prima delle 11:00. In Olanda non vedono molta cortesia nel stringere la mano. In Belgio, la dimostrazione di un ottimo appetito quando si mangia è considerata una cortesia. Pertanto, l’idea di alcuni attributi di gentilezza in persone diverse potrebbe essere diversa. Nel suo ruolo principale, la cortesia è una categoria morale e comportamentale stabile e un tratto incondizionatamente positivo del carattere umano. Essere educati significa trattare le persone con rispetto, avere tatto, essere sempre pronti ad aiutare nelle semplici situazioni quotidiane, trovare un ragionevole compromesso in caso di disaccordi quotidiani.

Una persona che è in armonia con le regole delle buone maniere sarà un modello nell’osservanza delle norme dell’etichetta vocale. È qui che la cortesia costa davvero poco, basta usare le parole magiche “grazie”, “per favore”, “sii gentile”, “sii gentile”, “scusatemi”, “scusatemi”, “è difficile per voi”, "potreste consigliare".

Rivolgersi rispettosamente a estranei e anziani solo con "te" è la norma per una persona educata. Su "tu" si rivolgerà al suo amico se lo incontra in un ambiente ufficiale. Il passaggio a "tu" sarà accettabile solo nelle relazioni strette e nella comunicazione con i più giovani.

Va notato che le formule educate del galateo del discorso hanno sfumature diverse a seconda di ogni situazione specifica, oggetto del dialogo. Quindi, una richiesta formale può essere educatamente espressa con le parole "permettimi" o "permettimi", ma sempre con una spiegazione dell’essenza della richiesta ("permettimi di chiamare").

Nella comunicazione benevola si utilizzano determinate formule, giri verbali, che aiutano a mitigare gli aspetti negativi nelle posizioni degli interlocutori. Questi sono, ad esempio, semplici commenti come "c’era un piccolo problema", "Non sono molto bravo in questo", "abbiamo avuto una piccola discussione qui", ecc.

Smussa gli angoli acuti, la categoricità, la rigidità nei dialoghi, la capacità di usare espressioni interrogative al posto delle affermazioni ("Eri al cinema X, vero?"). È meglio usare frasi negative anziché domande dirette ("Sei già arrivato alla fermata dell’autobus?"). Una persona educata addolcirà la richiesta anche con una forma interrogativa: non “dammi una giacca”, ma “potresti darmi una giacca?”.

Se una persona è educata o meno può essere determinato da molte azioni. Una persona educata avrà sempre l’abitudine di pensare agli interessi degli altri. Una tale persona non occuperà mai con i gomiti i comuni braccioli adiacenti nella sala del cinema e bloccherà senza tante cerimonie la mostra alla mostra dagli occhi degli altri. Non si permetterà di acquistare un biglietto senza fare la fila o di infilarsi in un autobus, spingendo brutalmente un altro passeggero.

Qualunque sia l’aspetto della comunicazione toccato, gli indicatori di gentilezza saranno la manifestazione di buona volontà, tatto, delicatezza e attenzione verso gli altri.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More